Piegaciglia addio con il mascara Front Row Curl di Lavera

Piegaciglia addio con il mascara Front Row Curl di Lavera

Chi ha le ciglia corte e dritte lo sa: riuscire a portarle verso l’altro non è un’impresa semplice.

Per questo esistono diverse tipologie di piegaciglia ma, oltre ad implicare un passaggio in più nell’operazione trucco, a volte spaventa un po’!

Per incurvare le mie ciglia senza l’ausilio di strani aggeggi, ho trovato un buon alleato nel mascara Front Row Curl di Lavera. Ha un flacone piuttosto snello, tanto da ricordare più un matitone che un mascara.

curl

Il brush incurvato, una variante piuttosto frequente in questa categoria di mascara, crea anche una leggerissima spirale per dare ancora più movimento alle ciglia.

La texture è piuttosto fluida ma davvero leggerissima, inoltre il wiper consente di dosare perfettamente il prodotto, tanto che sulle ciglia ne rimarrà una piccola quantità. La nota positiva è che non si creano grumi e le ciglia possono essere lavorate a più riprese, quella negativa è che rimangono sottili e di un nero spento.

curl

Chi è amante dell’effetto volume e delle ciglia costruite e spesse non apprezzerà fino in fondo il mascara Front Row Curl, tuttavia la sua principale funzione – quella di incurvare – viene svolta egregiamente.

Le ciglia vengono pettinate e sollevate verso l’alto, e questo contribuisce ad aprire molto lo sguardo.

Il Front Row Curl mascara è vegano ed emana un profumo dolciastro piuttosto gradevole. Può essere acquistato su diversi shop online di prodotti bio al prezzo di circa 9,00€.

Resa
3.5 su 5
Intensità
2 su 5
Texture
3 su 5
Pigmentazione
2 su 5

2.63

Sufficiente
2.63 su 5

Ilaria Giannino

Autrice di Makeupworld, entusiasta di poter conciliare due delle sue passioni: il beauty e la scrittura! La sua curiosità la spinge a voler sperimentare su di sé quanto questo mondo ha da offrire per valorizzare la naturale bellezza del viso e del corpo, per poi prestare consulenza ad amiche e colleghe in cerca di consigli. Laureata in Marketing e Comunicazione d'impresa, affascinata dunque anche da ciò che si cela dietro uno stand di make up, dalla scelta del packaging al modo in cui il brand comunica la propria identità.

Commenti

Facci sapere la tua opinione!
Non sono presenti commenti Lascia un commento! Scrivi la tua opinione su questo articolo.

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico e i tuoi dati non verranno condivisi con terzi. Campi obbligatori *