Olio di cocco, la soluzione a capelli sfibrati, danneggiati e in cerca di lucentezza!

Olio di cocco, la soluzione a capelli sfibrati, danneggiati e in cerca di lucentezza!

Le soluzioni homemade e bio sono entrate anche nelle case dei soggetti più riluttanti a questo genere di prodotti, e da qualche tempo anche noi in redazione ci siamo cascate. Oggi parliamo dell’olio di cocco, i cui svariati impieghi hanno colpito tutte, me in particolare per quanto riguarda il suo utilizzo nella haircare (quasi) quotidiana.

LEGGI ANCHE: Maschera capelli fai da te: olio d’oliva, miele e cannella per una chioma luminosa e lucida

Per prima cosa è necessario sapere che l’olio di cocco si trova in commercio in varie forme, raffinato e non, ottenuto da spremitura a freddo, biologico e puro. Per l’acquisto mi sono rivolta ad un negozio totalmente biologico e per le mie necessità, ed in generale per l’utilizzo su capelli (ma anche sulla pelle) mi è stato consigliato un olio di cocco puro, non raffinato, a spremitura a freddo.

La quantità della confezione da me acquistata è di 340ml, e per iniziare a risanare dei capelli sfibrati da tinte e trattamenti si tratta di una dose più che sufficiente. Per prima cosa vi chiederete come utilizzare un olio in versione solida per i capelli, beh, non dovete. L’olio va infatti riscaldato tra le mani, prelevandone una noce più o meno consistente, in base alla lunghezza dei vostri capelli, finchè non si scioglierà sotto i vostri occhi, lasciandovi una sensazione fresca sui palmi delle mani. Può essere sciolto anche in microonde se utilizzato in periodi particolarmente freddi in cui la sua consistenza tende ad essere più dura ma consiglio comunque di utilizzare il primo metodo, in modo tale da non perdere alcuna delle sue proprietà.

Una volta sciolto, l’olio di cocco va applicato su tutta la lunghezza, dalla radice alle punte, concentrandosi sulle zone più sfibrate o danneggiate, curandosi di massaggiare bene i capelli. Dopo aver finito con quest’operazione, bisogna avere l’accortezza di sigillare la chioma utilizzando una cuffia per capelli o della pellicola trasparente, chiudendone all’interno tutti i capelli. Potete anche utilizzare un semplice asciugamano preriscaldato per svolgere quest’operazione, infine aspettare. Il tempo di posa può variare in base alle vostre esigenze o necessità, ovviamente più rimarrà in posa più il capello assorbirà le sostanze nutritive dell’olio di cocco, basta passare da un minimo di mezz’ora/quarantacinque minuti ad un massimo di 6/8 ore, utilizzando anche la notte come posa, basta non superare questo periodo poiché la cute risulterà particolarmente oleosa.

Dopo aver osservato queste semplici regole, bisogna passare al lavaggio. Io ho preferito eliminare i residui dell’olio di cocco prima con abbondante acqua, poi con ben due lavaggi con shampoo delicati ed ancor meglio secchi. Mi raccomando di evitare l’applicazione di balsami o shampoo con conditioner, o maschere troppo pesanti, poiché il capello è già leggermente appesantito dalla precedente applicazione dell’olio di cocco, e poi, non vi servirà altro!

Quando i capelli saranno asciutti, già al tatto vi sembreranno più morbidi, leggeri e lucenti di volta in volta. Personalmente mi sono affidata a svariati tipi di prodotti, ma posso garantire che l’olio di cocco è quello che più di tutti mi ha stupita nel tempo, e garantisce ottimi risultati sia dal punto di vista visivo che da quello della salute del capello.

L’olio di cocco da me utilizzato è della marca Tropical ed ha il costo di 9,90 euro, ma ve ne sono di tutti i prezzi, rivolgetevi al web o al vostro negozio bio di fiducia!

 

Categorie Capelli, Cura

Fausta Canzoneri

La sua passione per il Make-up nasce insieme all'amore sconfinato per la fotografia, il cinema, i libri e la musica. Alla ricerca della leggerezza attraverso tutto ciò che rappresenti creatività, esorcizza la razionalità degli studi come esperta in tecnologie della comunicazione sognando una vita nel settore della moda o all'interno di una rivista musicale. Il suo motto? "Io voglio i miei soldi là dove li posso vedere: tutti appesi nel mio armadio!"

Commenti

Facci sapere la tua opinione!

1 Commento

  1. claudia 46
    Rispondi giugno 21, 18:51 #1 claudia 46

    grazie mille per l’infomrazione. trattandosi di un rimedio naturale sicuramente faró un tentativo. al momento sto usando la cheratina Toppik, ossia fibre che si attaccano tra un capello e l’altro e creano un effetto voluminizzante, peró questa soluzione sembra piú a lungo termine

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico e i tuoi dati non verranno condivisi con terzi. Campi obbligatori *