Nivea contro Neve Cosmetics, la sentenza shock del tribunale e la protesta sul web

Nivea contro Neve Cosmetics, la sentenza shock del tribunale e la protesta sul web

Il mondo del beauty ieri è stato scosso dalla notizia di una causa giudiziaria intentata dal colosso tedesco Nivea verso la nostrana Neve Cosmetics per una questione relativa al copyright sul nome.

Il nome Nivea, come viene specificato, deriva etimologicamente dal latino niveus/nivea/niveum ossia “bianco come la neve”, e pertanto, secondo l’azienda, facilmente confondibile con il marchio registrato Neve MakeUp, che rientra nello stesso settore merceologico.

Il tribunale di Milano si è espresso in favore del marchio tedesco Nivea, dichiarando quindi illegittimo il nome “Neve makeUp” e ponendone il divieto d’utilizzo all’azienda italiana che ben conosciamo e apprezziamo. Inoltre è stata fissata una penale di 5 euro per ogni prodotto che Neve venderà continuando ad utilizzare il marchio oggetto della sentenza e il rimborso delle spese legali sostenute da Nivea per un totale di 15 mila euro.

E’ da sottolineare sopratutto questo passaggio della sentenza, alquanto illuminante sulle motivazioni di tale decisione:

“La sentenza specifica però che tale tutela è riservata solo a marchi particolarmente rinomati dall’enorme valore economico e dalla forza suggestiva che deriva da molti decenni di investimenti pubblicitari e successi sul mercato come appunto il celebre “Nivea®”.”

La notizia non è passata in sordina; sul web si è creato un vero e proprio movimento di sostegno verso Neve Cosmetics, con la condivisione di un’immagine che parla da sola ed esprime lo stato d’animo delle consumatrici nell’apprendere la notizia.

Nivea-contro-Neve-campagna-social

 

Molte ragazze, sorprese e alla ricerca di spiegazioni, hanno cercato un confronto sulla pagina Facebook di Nivea; la risposta ai loro commenti, che sono stati cancellati, non è arrivata e i loro profili sono stati bloccati sulla pagina del brand. Un comportamento discutibile, sopratutto se arriva da un’azienda del calibro e dell’esperienza di Nivea.

I presupposti della causa intentata probabilmente non sono stati compresi dalle consumatrici, considerato che le due aziende producono, sì, prodotti di bellezza, ma di due tipologie molto diverse. Neve Cosmetics si occupa infatti di prodotti Bio e Vegan, tipologia di prodotti che Nivea non prende in considerazione nella sua gamma.

Inoltre, i circuiti di distribuzione delle due aziende non coincidono. Come sappiamo, Neve Cosmetics si acquista on-line, sull’e-shop ufficiale oppure presso le Bioprofumerie dove è impossibile trovare prodotti Nivea proprio per la loro natura non bio. Sembra dunque mancare anche il presupposto, per la clientela, di trovare le due marche in vendita sullo stesso scaffale e quindi rischiare di confondere i due nomi fra loro.

La notizia ha dato il via anche ad una raccolta di firme su Change.org che ci teniamo a segnalarvi. Probabilmente l’azione non avrà risvolti effettivi, ma è bello vedere come le ragazze sul web stiano mostrando il loro sostegno ad un’azienda di cui si fidano:
https://www.change.org/p/beiersdorf-nivea-stoconneve-vogliamo-che-la-beiersdorf-ritiri-la-causa-contro-la-neve-cosmetics-per-il-plagio-della-parola-del-marchio

Vi lasciamo infine il link al pdf della sentenza integrale, che siamo riuscite a recuperare grazie alle nostre colleghe di BeautyDea, e la dichiarazione che Neve Cosmetics ha rilasciato sulla sua pagina Facebook in merito alla vicenda:

Neve Cosmetics su Facebook
Per chi ce lo sta chiedendo: la causa intentata dalla multinazionale tedesca ha lasciato a bocca aperta noi per primi. Siamo certi di non aver nulla in comune con il colosso internazionale e ciò che rappresenta. Come sapete siamo un’azienda piccola, giovane e di indole assolutamente pacifica. Abbiamo affrontato questa causa con l’impegno, l’onestà e la limpidezza che ci contraddistinguono. Continueremo a combattere! Si tratta solo del primo grado di giudizio, è ovviamente nostra intenzione presentare ricorso in appello, forti della nostra buona fede e pronti a difendere i nostri diritti e quelli della nostra clientela. Avere il vostro appoggio in questo ambito ci regala ancora più determinazione, grazie di cuore per il supporto. Con affetto, lo staff Neve Cosmetics.

Categorie Neve Cosmetics, News, Nivea

Sara Burresi

Giornalista Pubblicista. Creatrice e Amministratrice di MakeUpWorld.it. La sua passione per i trucchi pareggia quasi quella per il rosa. Si districa tra mille interessi e passioni, lavora nel campo medico, scrive per Android Magazine e segue corsi di canto. La sua parola d'ordine? Se vuoi, puoi!

Commenti

Facci sapere la tua opinione!

1 Commento

  1. Manu
    Rispondi settembre 21, 17:24 #1 Manu

    Pensavo che la Nivea fosse una crema naturale, ora a seguito della denuncia contro Neve cosmetics sono venuta a sapere che non è così. Bene, vuol dire che non la comprerò più.

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico e i tuoi dati non verranno condivisi con terzi. Campi obbligatori *