Deborah Milano – Palette Vanity Secret

vanity-scuro

Care Makeupworldine, oggi voglio parlarvi di questo gioiellino che ho avuto la possibilità di provare grazie a Deborah Milano.

Ho ricevuto la palette Vanity Secret nella variante con la copertina porpora (ce n’è un’altra con la cover rosa): parlo di “copertina” in quanto il packaging ricorda quello di un libro tascabile, molto elegante ma anche pratico grazie alle dimensioni ridotte.

Vanity Secret size

Al suo interno ci sono, sulla parte sinistra, un piccolo specchietto rettangolare, una prima fila con cipria, blush e terra, e una seconda fila con un rossetto e 5 gloss. Nella parte destra troviamo invece ben 20 ombretti con un gran range di colori, inoltre due pennellini: uno per l’applicazione dei prodotti viso, l’altro doppio con una spugnetta per gli ombretti e un pennellino in setole per le labbra.

Iniziamo con la parte di sinistra:

Vanity Secret left side

VISO

la cipria: si tratta di una polvere luminosa che dona al viso un aspetto fresco, ideale da indossare per una serata speciale;

il fard: un rosa confetto matt adatto a tutti i tipi di incarnato e facilmente sfumabile, dà la classica parvenza di un viso in salute;

la terra: questa tonalità di marrone, naturalmente opaco, è perfetta per un contouring appena accennato, con un effetto molto naturale ma al contempo sofisticato.

Vanity Secret powder

Ho apprezzato molto queste polveri per il viso, soprattutto terra e blush che donano un aspetto curato in poche semplici mosse. Il fard in particolare è uno dei pochi tra quelli che ho provato che dura tutto il giorno.

LABBRA

il rossetto: un rosso fuoco a vederlo nella palette, molto deludente sulle labbra. Il rossetto ha una pigmentazione davvero scarsa, tanto che sulle labbra il colore è quasi invisibile. Poco adatto alle labbra che tendono a screpolarsi, entra facilmente nelle pieghette;

Vanity Secret lipstick

i gloss (dal secondo di sinistra verso destra nella foto precedente, dall’alto verso il basso negli swatch): un nude luminoso, un color ambra scintillante, un rosa baby, un porpora e un rosa chiaro.

Vanity Secret gloss1

Vanity Secret gloss2

Vanity Secret gloss3

Vanity Secret gloss4

Vanity Secret gloss5

Tutti i colori sono molto meno accesi di quanto non sembrino nella palette, tuttavia risultano abbastanza confortevoli sulle labbra perché non molto appiccicosi. Questo ovviamente incide sulla loro durata, molto modesta. I più scriventi sono il color ambra ed il rosa baby, quest’ultimo però tende ad impallidire molto le labbra.

Proseguiamo con la parte destra:

Vanity Secret right side

OCCHI

Prima fila di ombretti (da sinistra verso destra): un color ruggine, un mauve, un rosa matt, un marrone scuro freddo ed un fucsia;

Vanity Secret eyeshadow1JPG

Seconda fila: un color champagne, un lilla, un verde oliva, un rosa tenue ed un borgogna;

Vanity Secret eyeshadow2JPG

Terza fila: un color ruggine più chiaro, un grigio scuro/indaco, un verde smeraldo, un panna luminoso ed un nero matt;

Vanity Secret eyeshadow3JPG

Quarta fila: un viola, un verde militare, un verde petrolio, un blu notte ed un azzurro cielo.

Vanity Secret eyeshadow4JPG

In generale si tratta di ombretti un po’ polverosi, ma nessuno di questi mi ha causato problemi di fallout, fatta eccezione per quelli dai toni sul blu (grigio/scuro indaco, petrolio e blu notte). I colori matt sono meno scriventi degli altri, in particolar modo il mauve che ha la pigmentazione più bassa. Di contro, gli ombretti a più elevata pigmentazione sono quelli più chiari, ovvero il rosa, il color champagne ed il panna, molto luminosi e gli ultimi due utili anche come punto luce. La durata di tutti gli ombretti, con una base, è molto buona, tranne che per le nuance sul rosa (rosa matt, fucsia e rosa tenue) che tendono a svanire più facilmente.

PENNELLI

Vanity Secret brushes

E’ sicuramente utile avere dei pennelli già a disposizione nella palette ma personalmente non li utilizzo mai. Il pennello per il viso non è molto efficace, a causa delle sue dimensioni ridotte e dell’eccessiva lunghezza delle setole. Il pennello doppio è utile dalla parte della spugnetta, mentre l’altra è poco pratica per via delle setole troppo dure.

CONSIDERAZIONI GENERALI

Nel complesso ho amato molto questa palette e mi ritrovo ad usarla spesso, grazie alla grande varietà di ombretti che consentono di scegliere il tipo di trucco, soft o strong, a seconda delle occasioni d’uso. E’ inoltre molto pratico avere a disposizione anche blush e terra, in modo da poter realizzare un make up completo avendo tutti i vari prodotti necessari raccolti insieme. Non ho gradito particolarmente i gloss ed il rossetto, ma trovo sia meno problematico portarsi in viaggio uno o due prodotti labbra insieme a questa palette, piuttosto che una trousse piena di ombretti e fard sfusi.

Categorie Deborah, Palette, Review

Ilaria Giannino

Autrice di Makeupworld, entusiasta di poter conciliare due delle sue passioni: il beauty e la scrittura! La sua curiosità la spinge a voler sperimentare su di sé quanto questo mondo ha da offrire per valorizzare la naturale bellezza del viso e del corpo, per poi prestare consulenza ad amiche e colleghe in cerca di consigli. Laureata in Marketing e Comunicazione d'impresa, affascinata dunque anche da ciò che si cela dietro uno stand di make up, dalla scelta del packaging al modo in cui il brand comunica la propria identità.

Commenti

Facci sapere la tua opinione!
Non sono presenti commenti Lascia un commento! Scrivi la tua opinione su questo articolo.

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico e i tuoi dati non verranno condivisi con terzi. Campi obbligatori *