CND Shellac French Manicure

CND Shellac French Manicure

Oggi voglio parlarvi di un prodotto che ho scoperto da poco e che sto testano; si tratta degli smalti semipermanenti di casa CND, gli Shellac.

Ormai di smalti semipermanenti UV, che promettono cioè una durata di circa 2 settimane, ce ne sono in giro di molte marche diverse, ma gli Shellac hanno delle caratteristiche uniche: non richiedono di bufferare la superficie dell’unghia prima dell’applicazione e si rimuovono senza frese, ma semplicemente vengono sciolti con normale solvente. Capite bene come questo procedimento fa in modo che l’applicazione o la rimozione non siano invasive e non danneggino la superficie dell’unghia.

Nell’articolo di oggi cominceremo a vedere come si applicano questi smalti; vi mostrerò come ho realizzato una french manicure sulle unghie di mia mamma!

 

1. Manicure

Prima di cominciare è necessario realizzare una classica manicure, per eliminare le pellicine e le cuticole e dare forma alle unghie. CND ha un prodotto specifico per questo passaggio, ovvero il Cuticle Away. Io non lo possiedo e per mia esperienza non è un prodotto indispensabile, soprattutto se curate con costanza le vostre cuticole; ovviamente per chi ne fa un uso professionale questo prodotto ha un’importanza maggiore. L’unico accorgimento è quello di non usare oli in questa fase, poichè potreste rischiare di rovinare i passaggi successivi.

 

2. Deidratazione

Un passaggio fondamentale per gli Shellac è deidratare l’unghia. Questo passaggio serve per disinfettare la superficie dell’unghia, purificarla e deidratarla, preparandola quindi all’applicazione della base. Anche qui CND ha un prodotto specifico, lo Scrubfresh. Io utilizzo al suo posto dell’alcool.

 

3. Base Coat

Il primo prodotto da applicare è l’UV Base Coat. Si tratta di una base trasparente che deve essere stesa su tutte le unghie in uno strato molto sottile; deve poi essere passato in lampada UV (a 36 watt) per soli 10 secondi. Questo prodotto, così come tutte gli altri, deve essere passato anche sulla punta dell’unghia, per sigillare il colore.

Ricordate di non toccare l’unghia una volta finito il passaggio in lampada; come durante la ricostruzione  infatti rimane una patina appiccicosa sull’unghia che rimuoveremo solo dopo il top coat.

 

4. Colore

Si passa poi all’utilizzo del colore; anche in questo caso occorre applicare uno strato sottile e lasciare in lampada per 2 minuti. Per la french ho utilizzato il Clearly Pink, che è un smalto trasparente leggermente rosato.

Questo passaggio va ripetuto; quindi si applica un altro strato di colore e si rimette in lampada per altri 2 minuti.

 

5. French Manicure

Per completare la french, delineo la lunetta dell’unghia con un bianco applicato con un pennellino da nail art. Nel mio caso ho scelto lo Studio White, che è un bianco coprente ma comunque naturale. Anche questo passaggio richiede 2 minuti in lampada.

 

6. Top Coat

Finiti i passaggi con il colore, occorre applicare l’UV Top Coat che serve per proteggere la nail art. Anche questo prodotto va applicato in uno strato sottile e anche sulle punte, e passato in lampada per 2 minuti.

 

7. Sgrassante

Dopo il top coat occorre sgrassare l’unghia con un pad imbevuto con un apposito sgrassante, va bene qualsiasi cleanser utilizzato nelle ricostruzioni; in questo modo rimuoviamo la dispersione che si è formata con i passaggi in lampada. Concludiamo la nail art passando sulle cuticole un normale olio per cuticole.

 

Questo è il risultato finale:

 

Le unghie sono davvero molto lucide e rinforzate! Come primo impatto posso dirvi che questo prodotto mi sta piacendo molto. Nelle prossime settimane vi farò vedere come rimuovere lo Shellac e valuteremo l’effettiva durata della manicure!


Valentina Bandera

Laureata in Business Administration and Law, appassionata di tutto ciò che è moda o makeup, ha conciliato gli studi con le sue passioni lavorando in una delle più importanti aziende di moda italiane. Adora i libri gialli, il mare e le immersioni. Juventina doc non riesce a stare senza partite di calcio, meglio se allo stadio!

Commenti

Facci sapere la tua opinione!
Non sono presenti commenti Lascia un commento! Scrivi la tua opinione su questo articolo.

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico e i tuoi dati non verranno condivisi con terzi. Campi obbligatori *