Dior – Diorskin Icône Voile Lissant Fini Poudré, fondotinta per una pelle da star!

| 11 agosto 2010 | 12 Commenti

Care MakeUpWorldine,

questa è la mia prima recensione da quando sono tornata dalla mia vacanza! ;)

Prima di partire, dato che avevo quasi finito il fondo kiko che stavo utilizzando, mi sono decisa a provarne uno di Dior… la mia prima intenzione era quella di provare il Diorskin Nude (ne parlano tutte così bene!), poi però quando mi sono ritrovata in profumeria davanti all’ espositore Dior mi sono confusa un pò: c’erano talmente tanti bei prodotti che mi sono quasi dimenticata quale fosse il prodotto che mi serviva sul serio eheh ;P

Dopo essere tornata in me, mi sono fatta elencare tutti i tipi di fondotinta leggeri di Dior, quindi adatti alla stagione estiva, e devo dire che Dior non propone solo il Nude, ma ce ne sono diversi… alla fine ho abbandonato il Nude e ho preso il  Diorskin Icône Voile Lissant Fini Poudré e vi spiego subito perché: la commessa mi ha spiegato le differenze tra i vari fondi proposti da Dior, e l’ Icône mi ha incuriosito perchè ha una texture in crema e una finitura cipriata e mat molto particolare: nonostante sia super leggero (è come non averlo!) al tempo stesso uniforma l’incarnato ed elimina le imperfezioni del viso. Una volta applicato, la pelle risulterà vellutata e luminosa. L’effetto è naturale e la durata è di almeno 6/8 ore. Inoltre, ha un profumo buonissimo!

Lo considero al momento il miglior fondotinta che io abbia mai utilizzato!

[ad#dublina]

Al momento dell’ acquisto la commessa mi ha consigliato di prendere qualche tonalità più scura rispetto al mio incarnato bianchiccio che avevo prima di partire, e ho fatto bene a seguire il suo consiglio! In particolare, ho preso la tonalità N.30 Beige Moyen – Medium Beige, che si adatta perfettamente alla carnagione deliziosamente dorata (oltre non andrò mai! ;P ) che posso sfoggiare dopo 7 giorni di sole siciliano! ;)

Ed ecco lo swatch:

Ho approfittato di una promozione del momento, quindi ho pagato questo bellissimo prodotto €33,00, credo che il prezzo intero aumenti di poco comunque, oscilla tra i €31 e i €35. Probabilmente per molte di noi il prezzo è un pò elevato; probabilmente molte di voi penseranno che per 30 ml di prodotto il prezzo è eccessivo, ma vi dirò… ho fatto la stessa osservazione alla commessa che mi ha risposto che ne basta davvero poco per tutto il viso: aveva ragione! Si stende benissimo e ne basta davvero poco! Quindi se è il prezzo a frenarvi un pò per via di un’ apparente esigua quantità, sappiate che il prodotto vi durerà da qui alla fine dell’ estate quasi sicuramente ;) (Poi dipende sempre quante volte vi truccate al giorno e se siete solite abbondare con il fondotinta).

SCHEDA
PRODOTTO:
Tipo Prodotto: Fondotinta
Nome: Diorskin Icône Voile Lissant Fini Poudré
Marca: Dior
Prezzo: €33,00
Dove si Compra: Profumerie
Quantità: 30 ml
Scadenza: 12 mesi
Packaging: 4/5
Qualità: 5/5
Qualità/Prezzo: 4/5
VOTO COMPLESSIVO:
5/5
Share Button

Categorie: Dior, Fondotinta

L'Autrice: (archivio)

PR, Editor e Author per MakeUpWorld.it. La passione per il Make Up è seconda solo alla sua naturale inclinazione gestionale e oganizzativa. Ex mora, nera e rossa, polemica, determinata, idealista, telefilmicamente onnivora. Dipendente dalla dinamicità: sport, viaggi ed ecletticità intellettuale. Per superare le avversità si ripete: "Se insisti e resisti, raggiungi e conquisti!

Commenti (12)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. vera scrive:

    l'ho usato tutto l'inverno,ma sinceramente la mia carnagione passa da bianco fantasma d'inverno a nero pece d'estate..e d'estate non lo metterei
    1)perchè è di 3 tonalità più chiaro della mia attuale tonalità
    2)perchè è un fondo molto coprente e non ha senso con l'abbranzatura.
    Però come fondotinta invernale è impareggiabile!

  2. shelise scrive:

    Io mi sono fatta dare un campioncino e non l'ho mai acquistato per il prezzo….ma ultimamente ho scoperto che il mat morphose della l'oreal è praticamente uguale e infatti è quello che ho acquistato per l'estate!

  3. dublina scrive:

    @vera: invernale? Addirittura molto coprente? Sei certa che sia lo stesso tipo di fondo Dior? Io l' ho trovato adatto all' estate proprio perchè è molto leggero – al contrario dei fondi invernali – e sì, è coprente ma mai quanto uno invernale pesante. Tu probabilmente hai una carnagione molto diversa dalla mia, per questo hai problemi con le tonalità ;) Comunque è proprio vero che ogni prodotto ha una resa soggettiva… ;)
    @shelise: io la prossima estate, se non ne trovo uno che lo superi in tutto e per tutto, me lo ricompro di sicuro anche perchè ne basta davvero poco, quindi anche se sono 33 euro, quanto meno mi dura almeno un mese e mezzo. Poi è chiaro quanto se ne mette e quante volte al giorno ;P

  4. vera scrive:

    @dublina:sisi è prprio lui!è vero è molto soggettivo..
    sono mora…riccia scura scura …d'estate..ma d'inverno bianco fantasma ..sotto esame un lensuolino!!
    Quindi passo da un tono all'altro nel giro di poco..basta 1 giorno al mare per dire addio ai fondi invernali..
    E'assolutamete come dici tu ..è assolutamente soggettivo:..ma quello su cui sono assolutamente daccordo è che è un prodotto ottimo!mi sono trovata benissimo!anzi anch'io andai per il nude ma la commessa di sephora mi disse che il nude era troppo leggero,poco coprente è che per la pelle mista (la mia ahimè)erà adatto l'icone perchè diventa tipo cipria in polvere!
    ottima la corrispondenza prezzo-qualita!e poi ne basta poco per avere un buon risultato ..l'ho usato 3 mesi quasi tutti i giorni ed ho ancora tantissimo prodotto..tonalità 12 dovrà aspettare un pò però!

  5. gianna scrive:

    hai perfettamente ragione, uso questo fondotinta da tanti anni, ogni tanto la casa madre lo toglie dalla produzione, ma poi lo deve rimettere, ora sono disperata perchè va nuovamente fuori produzione e tutti quelli che provo non hanno lo steso effetto! lo uso sia con l'abbrozatura che senza, tanto non ha effetto cerone, ma effetto levigante!
    gi

  6. Deliverance scrive:

    Scusa il mio appunto un pò sarcastico….ti definisci appassionata di makeup, fai numerose recensioni in merito ai trucchi, e poi ti fai consigliare la tonalità del fondotinta dalla commessa???
    C’è veramente qualcosa che non và in tutto questo…
    Altra piccola nota…
    Passi dalla kiko che è considerata l’utilitaria del make up alla Dior che potremmo defirla la BMW se non meglio e ti stupisci anche della differenza della qualità…..???
    La Dior costa tre volte tanto ci credo…
    Vedo che anche qui le recensioni sono fatte con l’accetta…senza il minimo metro di misura…

    • dublina scrive:

      Ciao Deliverance,
      il tuo commento “un pò sarcastico” mi fa sorridere.. semplicemente perché la risposta la trovi proprio in ciò che hai scritto: io sono un’ appassionata di make up, e non una make up artist.
      Che male c’ è a farsi consigliare una tonalità dalla commessa? Un consiglio resta tale, poi sta a me valutare se per me va bene o no.
      Dato che provo numerosi prodotti, posso dirti che non sempre un brand cosmetico più costoso sia più performante di uno che costa meno, dato che è pur sempre una cosa soggettiva.
      Le recensioni sono SEMPRE frutto della propria personale esperienza, quindi ognuna è libera di prenderle per buone o semplicemente leggerle e cominciare a farsi un’ idea di quel prodotto.
      Ti ringrazio comunque per il tuo sarcasmo :)
      …e ciao!

      • Deliverance scrive:

        Ciao dublina…or dunque…
        un’appassionata si pensa che già sia ad un livello superiore di una neofita il che la dice tutto sulla scelta del colore del fondotinta della propria pelle che è proprio l’ABC di partenza di un make up…
        Per quanto riguarda le recensioni è vero che esse sono fatte in maniera soggettiva, tuttavia hanno anch’esse un minimo di logica.
        Non possiamo paragonare marche veramente low cost a marche professionali, poichè una delle due è una presa in giro…..

        se mettiamo sullo stesso piano un fondotinta che costa 12.90 euro con uno che nè costa 33.00 capirai benissimo che o nel secondo caso paghi solo la marca (ed è una fregatura), vista la spoporzione di prezzo, oppure stai sopravvalutando la prima marca che anche se scadente tutto sommato và (ma non fa il giusto lavoro per il prezzo pagato)…
        c’è sempre qualcosa che non và….

        Quando si fanno delle recensioni, per poter equiparare tra di loro i prodotti, bisogna prendere come metro di misura la stessa fascia di prezzo e di mercato del cosmetico in questione e quindi; Dior, MAC, Make up Forever et simili da una parte, mentre dall’altra parte possiamo mettere Essence (marca da ovviesse negozio di abbigliamento e qui ho detto tutto), Astra, Kiko, wet and wild (made in PRC), Fraulein38 etc.
        E lo stesso discorso possiamo farlo per le marche di medio costo come la l’Oreal, la Max Factor, Pupa, Rimmel, etc
        Questa si che è una recensione con un minimo di paragone logico tra prezzo e qualità del prodotto…altrimenti si fà solamente un minestrone di nomi, fasce di prezzo e suggestioni personali che dicono niente e tutto…:-)

      • dublina scrive:

        Cara Deliverance,
        in primo luogo non mi pare che nella recensione sopra io abbia messo a paragone il fondo Dior con quello Kiko, ho solo scritto che avendo finito il primo, sono andata in profumeria perché avevo sentito parlar bene del Dior Nude (ma anche male se è per questo: è sempre soggettivo). La recensione in questione è dedicata al fondo Dior che ho trovato un ottimo prodotto ma come puoi leggere nei commenti sopra c’è chi non è nemmeno d’ accordo con questo.
        Il tuo commento su delle recensioni incomplete sarebbe stato più a tema se si fosse trattata di una recensione comparativa tra diversi fondi, cosa che questa non è, tra l’ altro.

        Continuo a non capire cosa ci sia di male a farsi consigliare la tonalità: il punto di vista di un’ altra persona è sempre positivo sia esso critica o consiglio (come in questo caso anche il tuo), magari un’ altra persona si accorge di un dettaglio che tu non ti accorgi, non capisco che male ci possa essere. Un’ appassionata di make up adora sperimentare i nuovi prodotti ma non è di certo al pari nemmeno lontanamente di una che ha studiato la materia in questione.

        Non sono assolutamente d’ accordo con te: non è sempre il prezzo a rendere ottimo un prodotto, puoi facilmente trovare in giro recensioni di palette di ombretti minuscoli che costano anche €50,00 e che hanno una scrivenza pessima, e una palette che costa meno di una marca discreta che invece va benissimo e ha molto successo. Il prezzo elevato di molti prodotti cosmetici come Dior, Lancome, Chanel ecc ecc non è sempre indice di performances perfette degli stessi: basta guardare i packaging preziosi che sfoggiano, non pensi che quel prezzo elevato vada a coprire anche il packaging, proprio perché – ripeto – non sempre un prezzo elevato è indice di assoluta riuscita del prodotto? (Ecco la mia logica che non è uguale a quella di un’ altra magari)

        Ti ringrazio comunque per il tuo punto di vista :)

      • Deliverance scrive:

        Scusa dublina, ma non ci siamo capiti vedo….
        Le recensioni vanno fatte proprio per fascia di prezzo e tipologia di prodotto.
        Ma perchè, perchè qualsiasi tipo di paragone è di per sè una competizione ed ogni competizione che si rispetti ha delle regole ben precise.
        La fascia di prezzo e la mission di posizionamento del brand danno di per sè un metro di misura e di giudizio.
        Se prendiamo degli ombretti della pupa (marca che non eccelle per spettacolarità delle texture), noto che diversi di essi scrivono come quelli della kiko più performanti, ma peccato che costino il doppio, e tuttavia noto anche che si difendono egregiamente con quelli di blasoni più “high quality” che costano a loro volta il doppio.
        A mio avviso le recensioni proporzionate per la fascia di prezzo low cost, media ed alta (qui la dividerei tra le ditte pseudo tecniche come la MAC, la Make up Forever et simili e quelle invece lusso come la Chanel e la Dior) danno una giusta idea e giusto indirizzo alle consumatrici che per ogni fascia di prezzo hanno di che orientarsi e soprattutto percepiscono con chiarezza quella differenza tra bassa, media ed alta qualità.
        Tanto per farti un esempio, il mondo dell’elettronica e delle automobili fanno le recensioni per fascia di prezzo e tipologia di modello.
        Facendo delle recensioni di questo tipo, possono essere premiate aziende che in una determinata fascia di prezzo sono più oscurate e forse snobbate dai grandi marchi conosciutissimi.
        Riuscendo ad analizzare ditta per ditta in base al suo vero poteziale di posizionamento prezzo si riesce a capire quella migliore della sua concorrente e quella che per il prezzo richiesto offre più qualità.
        Continuando a fare le recensioni stile colpire nel mucchio….(ma io non ce l’ho con te, vedo che tutte le blogger e le youtubers fanno cosi) si rischia di esaltare molte marche low cost che veramente hanno prodotti che definirei d’assalto….svilire le marche che costano di più (anche se loro hanno molti prodotti che non valgono assolutamente il prezzo pagato) e gettare nell’oblio molte marche che sono nel mezzo.
        Cioè dublina, facciamo a capirci, ho visto ragazze che passano dalla essence alla mac, dalla kiko alla make up store…
        E’ come passare dalla matiz alla lamborghini e dal mac donald, o peggio dal cibo scatolato del supermercato al ristorante di Vissani….
        Cioè ci perdiamo i pezzi.
        Sarebbe comunque molto interessante aprire una discussione ed ideare un protocollo serio per recensire i prodotti con un minimo di logica….perchè da un protocollo di recensione serio possono uscire dei sistemi di giudizio universali che sono molto utili a far orientare la cliente… :-)

      • dublina scrive:

        Ariciao Deliverance :)
        Si probabilmente precedentemente mi avevi fatto capire erroneamente che una marca come Chanel o Dior (linee lusso) proponessero a priori prodotti perfetti, invece per fortuna non la pensi così eheh :)
        Adesso hai centrato il centro della tua considerazione e in effetti mi trovi d’ accordo con te non sarebbe affatto male come idea, recensire i prodotti “analizzando ditta per ditta in base al suo vero poteziale di posizionamento prezzo si riesce a capire quella migliore della sua concorrente e quella che per il prezzo richiesto offre più qualità.”
        Hai ragione quando scrivi che ci sono ragazze che passano dalla MAC alla Essence con netta facilità, comparando quasi i giudizi, ma penso pure che magari non siamo tutte “cosmeticamente mature e istruite” per essere consapevoli di ogni prodotto e brand: molte vanno dove il prezzo è più basso e i prodotti gradevoli, molte altre fanno la pazzia e spendono un capitale per un blush che è la fine del mondo… in questo modo si ritrovano nell’ esempio sopra MAC/Essence.

        A questo punto, ti inviterei a scriverci nell’ apposito form ‘Contatti’ per poter sviluppare insieme questa idea e vedere dove ci porta, se sei d’ accordo!

  7. Vera 82dm scrive:

    scusate c’è possibilità che qualcuno ben informato legga il mio commento?
    spero di si!!
    questo è il fondotinta che sulla mia pelle rende di più in assoluto..ho provato di tutto:
    chanel mat non copre niente e divento arancione
    mufe mat secca secca secca la pelle
    lancome lasciamo perdere va..
    ysl mat non so giudicarlo mi diedero un campione Marrone..che ovviamente era impraticabile anche da provare
    Ora l’icone è fuori produzione..come è possibile??ma perchè???troppa qualità per quel prezzo..un signor prezzo per carità..ma almeno corrisponde alle aspettative!!chi sa se tornerà in produzione prima o poi??e perchè questa scelta assurda di dior?il nude e il forever per chi ha il mio tipo di pelle non vanno bene!!

Rispondi