INCI: cos’è? Come riconoscere un buon prodotto?

inci make-upL’INCI che sta per International Nomenclature of Cosmetic Ingredients,  è l’elenco degli ingredienti cosmetici espresso secondo una nomenclatura standard.

Secondo una legge del 1997,  le case cosmetiche sono obbligate a riportare sulla confezione di ogni prodotto l’elenco degli ingredienti in esso contenuti. 

Tale elenco è composto in ordine decrescente: cioè, al primo posto si indica l’ingrediente contenuto in percentuale più alta, e man mano a seguire gli altri, fino a quello contenuto in percentuale più bassa.

 Gli ingredienti di derivazione vegetale che non hanno subito processi chimici sono espressi tramite il loro nome botanico latino, seguito dalla parte di essi utilizzata in lingua inglese. Ad esempio: “prunus dulcis oil” sta per “olio di mandorle dolci”.

Le sostanze che  hanno subito un intervento chimico hanno un nome inglese. Ad esempio: “sodium laureth sulfate” sta per “sodio lauriletossisolfato”

I coloranti sono indicati sempre in fondo, con la sigla C.I., che sta per colour index, seguita da un numero identificativo.

Quando compriamo un cosmetico badiamo alla confezione, alla quantità di prodotto contenuto, al prezzo, ecc , ma quasi mai ci soffermiamo a leggere la lista degli ingredienti, che è invece il dato più importante.

Spesso si pensa che se un ingrediente è autorizzato, cioè non espressamente vietato da un legge, sia  innocuo. Invece no! Anche se spesso contenuti in piccole percentuali, ci sono ingredienti che possono causare allergie, il sorgere di brufoli, comedoni o peggio, come  alcuni studi scientifici dimostrano, tumori.

Il mio intento non è creare allarmismo. Vorrei solo che si scegliesse un prodotto in maniera più consapevole, e non solo perchè l’abbiamo visto in tv o delle amiche ce l’hanno consigliato.

Come fare dunque?

Non è difficile e soprattutto non è necessaria una laurea in chimica =)

Esistono dei siti che hanno già svolto tutto il lavoro per noi!

Un esempio è il famosissimo Biodizionario (www.biodizionario.it), che consente di cercare gli ingredienti e li valuta utilizzando pallini verdi, gialli o rossi a seconda della loro sinteticità o dannosità.

Più completo è  il sito inglese Skin deep (www.cosmeticsdatabase.com), che classifica i vari prodotti con voti da 0 (ottimo) a 10 (assolutamente da evitare!) ed elenca i vari studi scientifici che provano tale pericolosità.

Eccovi una breve lista degli ingredienti dannosi più diffusi  in prodotti di make-up:

– butilidrossianisolo, noto come BHA o E320, è vietato in america ma non da noi. E’ un conservante (quindi un antiossidante) e spesso il suo uso viene associato al BHT, anch’esso dannoso. La metabolizzazione del BHA produce metaboliti potenzialmente carcinogeni! Io l’ho ritrovato in un correttore comprato in farmacia…!

octoxynol in tutte le sue numerazioni (11, 12, 13, 16, 20 e 40)

bronopol, DMDM hydantoin, quaternium-15, sono sostanze che liberano formaldeide (ingrediente non più presente nei cosmetici ma solo in alcuni smalti perchè ritenuto allergenico e cancerogeno)

– quasi tutte le sostanze terminanti in –paraben;  sono sospettate di causare tumori al seno

triclosan, sostanza molto diffusa anche tra i deodoranti, con potente attività antibatterica, anch’esso sospettato di essere causa di tumore al seno

– monoethanolamine (MEA),  triethanolamine (TEA), diethanolamine (DEA) e ethanolamine, creano il rischio di formazione di nitrosamine (cancerogene)

– oli di silicone, solitamente terminanti in –thicone (dimethicone, trimethicone, ecc), dannosi perchè non lasciano traspirare la pelle, causando l’insorgere di brufoli e facendola invecchiare più in fretta

– polyethylene glycol (PEG); non è solo potenzialmente cancerogeno, ma contribuisce allo smantellamento della capacità della pelle di assorbire l’umidità e i nutrienti, lasciando il sistema immunitario vulnerabile

Sodium Lauryl Sulfate (SLS) e Sodium Laureth Sulfate (SLES):  danneggiano la formazione degli occhi nei giovani, causando danni permanenti e irritazioni ed è legato alla formazione della cataratta. Altri ricercatori ne hanno messo in evidenza la pericolosità, dato che può danneggiare il sistema immunitario e, quando unito a altre sostanze chimiche, può essere trasformato in nitrosamine, una classe di potenti cancerogeni

paraffinum liquidum, propylene glycol, petrolatum, vaselina, isopropyl, ecc; tutte sostanze derivate dal petrolio!!!

Sostanze dannose ce ne sono tante…occhio ragazze!!!

Categorie Prodotti MakeUp

Laura Floriddia

Author per MakeUpWorld. La sua passione per il make-up è nata per caso, guardando video in inglese su youtube per migliorare ulteriormente il suo ascolto ed il suo lessico. Da allora il suo portafoglio non ha avuto tregua! Ama vivere a pieno le sue giornate e collezionare sempre nuove esperienze. Inguaribile sognatrice e romantica, ha finalmente iniziato i preparativi per il suo "grande giorno". Il suo motto? "Love life and live for love".

Commenti

Facci sapere la tua opinione!

28 Commenti

  1. Syd
    Rispondi gennaio 14, 18:34 #1 Syd

    Cavolo ma il Sodium Laureth Sulfate c’è in una marea di prodotti da bagno (docciaschiuma, shampoo…), è uno dei pochissimi ingredienti che riconosco di aver letto proprio perchè scritto in tanti prodotti… andiamo bene! Da un po’ di tempo ho cominciato a leggere gli elenchi degli ingredienti ma non sempre ricordo in dettaglio quali son dannosi e quali no… Grazie per questo utilissimo post!

  2. fifa77
    Rispondi gennaio 15, 23:23 #2 fifa77

    complimenti, sei stata molto chiara ed illuminante!
    da oggi in poi starò molto più attenta!
    grazie!!! 😉

  3. kia
    Rispondi gennaio 16, 09:25 #3 kia

    Grazie!!!cercavo una lista simile…menomale ci siete voi :)! mi chiedevo però la paraffina è dannosa in tutte le salse?cioè sempre e comunque?Perchè ho sentito di trattamenti alla paraffina . In più ho scoperto che è una sostanza presente in tantissime creme per le mani, detergenti e correttori…aiuscio ci stanno avvelenando lentamente!!!!io non voglio il petrolio sulla faccia!!!!!!xoxoC.

  4. kia
    Rispondi gennaio 16, 10:40 #4 kia

    dopo aver letto e commentato questo articolo ho cominciato a ispezionare i miei cosmetici: una tragedia! non so più come incremarmi o lavarmi!!! O sono prodotti col bollino giallo oppure contengono sempre qualcosa da bollino rosso!!!!Se vi dicessi che nella maschera all’argilla della BOttega Verde ci sono i conservanti??? Ne ho trovati solo due perchè poi ero talmente sconsolata che ho detto basta…ma mi viene da pensare Bottega Verde??? ma verde de che????
    xoxo C.

    • Marylin_c
      Rispondi marzo 04, 00:02 Marylin_c

      scusate ma i parabeni ci sono anche nella bionike e che faccio li butto?costan cari ma anche i prodotti da viso provocano i tumori al seno?

  5. lauralalla85
    Rispondi gennaio 16, 14:34 #5 lauralalla85 Autore

    Grazie a tutte per i commenti carinissimi!!!
    Adesso veniamo al discorso inci: ragazze, non spaventatevi se alcuni dei vostri prodotti contengono qualche bollino rosso. Alcuni di essi sono rossi solo perchè sintentici (creati chimicamente) o perchè danneggiano l’ambiente perchè poco biodegradabili. Ma non fanno male alla nostra pelle!!! Se vedete l’articolo sul matitone NYX vedrete che specifico quando un ingrediente ci fa male o meno.
    Col tempo imparerete anche voi ad orientarvi meglio 😉
    In ogni caso scordatevi di trovare un prodotto perfetto, con tutti i bollini verdi! I conservanti sono ovunque, quindi se non sono una marea si possono tranquillamente tollerare. Sono gli ingredienti assolutamente da evitare che devono farci scartare i prodotti!
    Un buon inci è quello in cui ad esempio su 20 prodotti ce ne sono 15 verdi, 3 gialli e 2 rossi. Pur non essendo tutto verde, è comunque ottimo rispetto alle schifezze che ci sono in giro!
    Se vi serve un parere sull’inci di qualche prodotto in particolare, scriveteci qua http://www.makeupworld.it/info/ E vi farò non appena possibile una recensione su quel prodotto!
    Grazie ancora…

  6. lauralalla85
    Rispondi gennaio 16, 14:41 #6 lauralalla85 Autore

    Dimenticavo: la paraffina è si un ingrediente dannoso, sia perchè è un petrolato, sia perchè è comedogena (non lascia traspirare la pelle e causa brufoli e punti neri!).
    Diciamo che per chi volesse usarla…sulle mani non è problematica visto che non è una zona soggetta a comedoni. E, in ogni caso, evitate di usare troppi prodotti che la contengano! Anche se le dosi di utilizzo per i singoli prodotti sono piccole, vanno a sommarsi se presenti in più prodotti.

    • Marylin_c
      Rispondi marzo 04, 00:07 Marylin_c

      ciao,vorrei sapere,di un fard illuminante della ARVAL,lo ho comprato da poco in profumeria.Sapresti dirmi se posso usarlo tranquillamente?ho anche una crema base illuminante x il viso della limoni. questi prodotti mi spiace  buttarli anche perche’ ho speso 12 euro x la crema illuminante e 17 il fard scontato.

  7. Syd
    Rispondi gennaio 16, 20:44 #7 Syd

    Anch’io come kia mi son messa ad ispezionare i miei prodotti e per alcuni ci son rimasta veramente male! Ho iniziato a schedare i miei prodotti preferiti o quelli che uso più spesso per capire cosa contengono… Non voglio diventar maniaca però sicuramente questo mi sta già aiutando ad orientarmi su cosa è buono e cosa no! 🙂 Sui conservanti concordo con lauralalla85, bene o male ci son dappertutto, l’importante è che siano in fondo all’elenco e che siano pochi. Io per ora ho eliminato dal mio beauty solo i cosmetici che avevano un’alta precentuale di ingredienti cattivi (tranne l’acqua distillata alle rose Roberts… ha un inci terribile ma non riesco a farmene una ragione!). I prodotti per il make up non li butto, li riciclo! Per es. tre matite che ho eliminato le userò con un po’ di fantasia per fare disegni o scritte carine per biglietti di auguri o simili. 😉

  8. Rossella
    Rispondi febbraio 12, 10:43 #8 Rossella

    Ragazze io davvero mi sento sconsolata : ( !!! Ecco perchè le malattie tumorali aumentano di giorno in giorno…Ma perchè la legge permette di usare queste sostanze cancerogene???Io non riesco a spiegarmelo!!!E’ una vergogna!!!Addirittura ho sentito di sostanze tossiche usate nei chewing gum, ma ci rendiamo conto???Dove arriveremo così????
    Complimenti cmq ragazze per le importanti informazioni ke ci date!!

  9. Chiara Ye
    Rispondi febbraio 15, 20:46 #9 Chiara Ye

    grazie mille per questa lista di prodotti nocivi anche se non me li ricorderò tutti me li scriverò e mi porterò la lista sempre con me quando vado a fare shopping… grazie mille è stato davvero utile!
    vorrei solo chiedervi quali marche sono più sul verde e quelle più sul rosso?

  10. lauralalla85
    Rispondi febbraio 15, 23:24 #10 lauralalla85 Autore

    grazie a te per il commento!

    per quanto riguarda le marche di cosmetici, diciamo che un po’ tutte quelle da drugstore sono abbastanza tendenti al rosso.
    per prodotti verdi devi orientarti sul trucco minerale (quello vero però!) o su prodotti di erboristeria (anche se devi tenere gli occhi aperti… erboristeria a volte non significa che non utilizzano prodotti rossi!).
    Comunque non generalizzerei molto…ci sono prodotti da drugstore che non hanno inci pessimi! Bisogna saper scegliere…
    Per quanto riguarda invece i prodotti per capelli, ho scoperto che quelli che costano meno sono spesso i migliori!!! Un esempio sono la linea ultra dolce garnier, gli shampoo dei provenzali ed in assoluto il balsamo splend’or al cocco (questo addirittura costa meno di un euro!!!).
    Se ad alcune di voi piace l’idea di prodotti “verdi” posso fare una serie di recensioni per voi…

  11. miranda
    Rispondi marzo 10, 14:36 #11 miranda

    volevo segnalare un’inesattezza:
    “paraffinum liquidum, propylene glycol, petrolatum, vaselina, isopropyl, ecc; tutte sostanze derivate dal petrolio”.. –> isopropyl non è un derivato dal petrolio. e non lo troverete mai scritto da solo ma accompagnato da un’altro termine. ad esempio isopropyl palmitate (bollino verde).

    la presenza di conservanti nelle maschere bottega verde non è certo il male peggiore. i conservanti non sono necessariamente a bollino rosso, ne esistono anche a bollino verde come potassium sorbate, sodium benzoate e perfino qualche parabene. quindi bisogna imparare a distinguere.

    un’altra cosa che non condivido è che un prodotto si può definire buono quando ha su x ingredienti tot a bollino verde, tot a bollino rosso, etc.
    i bollini danno indicazioni sull’impatto ambientale del prodotto e sull’effetto che hanno sulla persona. poi sta a noi scegliere, secondo personali parametri se un prodotto è buono o meno PER NOI.
    per me un prodotto con paraffina al secondo posto non è affatto buono, anche se quell’ingrediente è l’unico a bollino rosso.
    un prodotto che contiene ad esempio betulla (rosso perchè POTENZIALMENTE irritante) o un allergene del profumo a bollino rosso (che non è detto che dia allergia a tutti) non crea nessun problema e viene valutato da me buono PER ME, anche se i bollini rossi sono di più dell’esempio precedente.
    quindi bisogna valutare così tante cose, che un post solo rischia di essere riduttivo.
    preziose informazioni si trovano sul forum di promiseland o su saicosatispalmi 🙂

  12. Roxybreath28
    Rispondi ottobre 19, 11:41 #12 Roxybreath28

    Se ci puoi elencare qualche marca con inci perfetto….

    • Monicaisidoro
      Rispondi marzo 01, 00:50 Monicaisidoro

      Ciao, da poco più di un mese sono venuta a conoscenza di una crema estetica con cellule staminali vegetali, non ha bollini rossi , la uso oltre che x il volto anche x il collo e x le mani , l’azienda di produzione è italiana e dai controlli effettuati non mi sembra di aver trovato qualcosa di simile , non sono una rappresentante ma se volete utilizzarla scrivete a monicaisidoro@hotmail.it. Grazie x le vostre informazioni.

  13. Le_driadi
    Rispondi luglio 31, 21:48 #13 Le_driadi

    ottimi correttori verde e arancio con inci verde?

    • Valentina
      Rispondi agosto 02, 11:39 Valentina

      Hai già provato i correttori minerali di Neve Cosmetics? Sono sottoforma di pigmenti ma potrebbero fare al caso tuo, qui http://www.makeupworld.it/2012/08/02/i-correttori-neve-cosmetics-yellow-peach-e-green/ trovi la recensione! 

  14. black is not dark enough
    Rispondi ottobre 11, 22:06 #14 black is not dark enough

    è vero che bisogna guardare gli inci e stare attenti a ciò che si compra (io lo faccio già da 2 anni) ma questo articolo crea più confusione e allarmismo che altro!!

    tanto per dirne uno, il famigerato sodium laureth sulfate è un tensioattivo mediamente aggressivo che solitamente in una formulazione discreta, viene aggregato alla cocamidopropyl betaine risultando molto mitigato nella sua aggressività, ma non è cancerogeno!!serve come agente lavante per togliere via lo sporco della cute
    altri tensioattivi come le cocamide in genere sono molto aggressivi perciò ne è sconsigliato l’uso
    sicuramente è meglio utilizzare tensioattivi più delicati perché un uso prolungato può dare desquamazione al cuoio capelluto ma da qui a dire che fa venire il cancro…………………non diffondiamo info fuorvianti per piacere! 
    per questo motivo vi rimando a siti in cui si parla di cosmetici e relativi ingredienti in modo serio…e leggetevi st’articolo http://www.attivissimo.net/antibufala/sls/dentifrici_cancerogeni.htm

  15. Serena
    Rispondi maggio 26, 09:15 #15 Serena

    In base alla mia modestissima esperienza vorrei fare qualche piccola precisazione. Non è soltanto importante capire quali ingredienti vanno bene ma,come giá detto, anche la loro posizione nell’inci e la formula. In un commento c’è scritto, per semplificare, che se su 20 ingredienti 15 sono verdi 2 gialli e 3 rossi puó andare bene…non è cosi…dipende da quali sono questi rossi e gialli e sopratutto in che posizione si trovano. Lo sles per esempio non è male come viene detto Dipende dalla formula se l’inci prevede una betaina e poi un sale allora si modera l’aggressivitá dello sles che diventa delicato se le due parti si invertono allora non si ha lo stesso effetto. Lo sls invece é sempre da evitare eppure è totalmente verde sul biodizionario ma in realtâ molto aggressivo per la pelle…la faccenda è lunga e complessa ma piano piano si impara. ottimo articolo comunque

    • Laura_C_Iotti
      Rispondi maggio 27, 03:27 Laura_C_Iotti

      Ciao Serena, l’intento di questo articolo è quello di fornire giusto alcune informazioni di base come stimolo ad essere consumatori consapevoli ma in effetti come dici tu la faccenda è poi molto complessa e ti ringraziamo per la precisazione. E’ sempre bene stare attenti a non generalizzare troppo e ricordare che anche il dosaggio delle sostanze gioca un ruolo fondamentale nella formula di un prodotto.

  16. Emanuela
    Rispondi settembre 27, 09:08 #16 Emanuela

    Mi date per favore delle indications Sui prodotti shampoo e balsamo Nashi Argan? Il risultato e’ ottima macho letto dei commenti negativi per la composizione anche a base di ….silicone???? Grazie!

    • Valentina Bandera
      Rispondi settembre 27, 11:28 Valentina Bandera

      Ciao Emanuela.
      Sì, i prodotti Nashi Argan contengono spesso siliconi. I prodotti che contengono sostanze siliconiche solitamente sono più districanti e lasciano i capelli più soffici e lucidi, allo stesso tempo però tendono ad appesantire di più il capello.
      Considerare buono o non buono un prodotto solo per la presenza di siliconi è secondo me una visione un po’ troppo restrittiva, bisogna considerare l’intera formulazione e l’interazione con altre sostanza: ci sono prodotti bio formulati male che fanno più danni di un buon prodotto contenente siliconi. Ad esempio, io ho utilizzato per anni prodotti naturali che alla lunga mi hanno seccato terribilmente i capelli; sono riuscita a rigenerarli dopo mesi di un trattamento (con siliconi) a base di cheratina.
      Comunque, qui trovi tutti i nostri articoli dedicati a Nashi Argan, con anche alcune recensioni dei prodotti che abbiamo testato: http://www.makeupworld.it/category/brand/nashi-argan-brand/

  17. Anna
    Rispondi novembre 12, 03:29 #17 Anna

    LA crema viso ibuki della shiseido ha un buon inci??la shiseido in generale che ingredienti utilizza?è una buona azienda di cosmetici??

  18. elisabet
    Rispondi giugno 17, 18:36 #18 elisabet

    Ciao sono in gravidanza e sto cercando una matita rossa per labbra ed uno smalto rosso. Puoi scrivermi una buona marca. Grazie

  19. vale
    Rispondi marzo 03, 13:19 #19 vale

    Spiegazione davvero esauriente, grazie! 🙂 anche l’idea di mettere alcuni siti dove cercare la valutazione del inci dei prodotti è stata molto utile.

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico e i tuoi dati non verranno condivisi con terzi. Campi obbligatori *